ATTENZIONE
Questa operazione potrebbe modificare la tua vita. Lo vuoi davvero?
ANNULLA
CONFERMA
EH NO!!!
A questo punto puoi solo andare avanti
AVANTI
Parliamoci chiaro: la figura professionale del Riflessologo non esiste perchè non esiste alcuna legge che la regolamenti. Né esistono diplomi o attestati che concedano l’idoneità a questa figura a svolgere attività terapeutica. Infatti, con tale fine, il Riflessologo potrebbe esercitare solo se laureato in medicina o se fisioterapista o paramedico (sempre sotto un controllo medico). Né la riflessologia è abbinabile all’artigianato in quanto non rientra nella disciplinarità dell’estetista. A questo punto una figura che non esiste non può essere contestata, purchè non operi in conflitto legale con le professioni sanitarie regolamentate dal Servizio Sanitario Nazionale, con l’estetica, con l’artigianato. Il Riflessologo può aprire una partita IVA iscrivendosi all’Agenzia delle Entrate semplicemente con la denominazione di “Riflessologo”. Non sarà possibile un’iscrizione alla Camera di Commercio, ma dal punto di vista della operatività sarà sufficiente l’apertura della partita Iva. Detto questo, con l’insegnamento della Riflessologia Plantare e del corpo, il Metodo Lucia Torri Cianci offre la possibilità, a chi è già estetista, di avvalersi di uno strumento integrativo per operare con maggior sicurezza e professionalità; a chi è inquadrato nel Servizio Sanitario, offre un approccio per operare nell’ambito della prevenzione, cioè interpretare i primi segnali del piede e del corpo prima che disturbi e squilibri diventino clinicamente riscontrabili; a chi desidera approcciarsi alla Riflessologia, offre l’opportunità di operare ai massimi livelli di conoscenza. Nessun titolo, nessun riconoscimento, nessun inquadramento specifico. Alla fine il Riflessologo esiste solo per quello che riesce a fare per gli altri. Solo se riesce ad allontanare, con le sue mani, i segni della sofferenza.